Si sentiva un cane che piangeva disperatamente, per questo i vicini hanno avvertito la polizia. Ma quando gli agenti si sono affacciati oltre il muro, anche scoperto l’inferno di un povero essere indifeso

Un labrador retriever è stato trovato in una vera situazione di tortura a Tocantins, in Brasile. Grazie alla denuncia dei vicini, la Guardia Metropolitana Ambientale si è recata sul posto e il cane è stato finalmente salvato dalla triste vita che stava conducendo.

Il cane era legato ad una finestra con una corda intorno al collo. A peggiorare le cose, la corda che usavano per legare l’animale era così corta che riusciva a malapena a muoversi e non riusciva nemmeno a stendersi. Il cane era appeso.

Inoltre, la Guardia Metropolitana Ambientale ha detto che non è stata trovata né acqua né cibo nel sito e che il cane era piuttosto contuso, probabilmente perché era troppo vicino al muro e aveva lottato cercando di liberarsi. Gli ufficiali credono che il cane fosse in quella situazione da settimane.

Dalle immagini, è anche possibile vedere che l’animale era estremamente magro. Secondo le informazioni dei vicini, il cane piangeva molto e molte volte dovevano dar da mangiare all’animale oltre il muro.

Sebbene abbiano ritardato la segnalazione del caso, alla fine i vicini hanno deciso di informare sull’animale bisognoso di soccorso, dopo che il cane ha cominciato a piangere ancora di più. I vicini hanno verificato cosa stava accadendo trovando il cane legato senza potersi muovere.

Una volta salvato, il cane è stato immediatamente portato in una clinica veterinaria, dove è stato ricoverato. Il cane è ora sotto la responsabilità della fondazione Adopta Palmas.

Secondo le informazioni della Guardia Metropolitana Ambientale, i vicini di casa hanno detto che raramente un uomo si recava alla residenza. Quest’uomo è stato individuato e multato.