Mamma e papà si schifano guardandomi. Non ho più pelo e l’infezione mi sta mangiando viva. Mi hanno messo in un sacco della spazzatura e mi hanno buttata per strada. Adesso cosa farò io? 

Migliaia di cani vengono abbandonati dalle famiglie che una volta hanno promesso di prendersi cura di loro, di coloro che li hanno regalati infiniti momenti felici e indimenticabili. Finiscono nei luoghi più inospitali senza sapere cosa hanno fatto di sbagliato e con il cuore completamente distrutto.

Sfortunatamente, questo è quello che è successo con un piccolo cane Shih Tzu che è stato abbandonato fuori dalla struttura ricettiva di Richmond Animal Care and Control (RACC) in Virginia, all’interno di un sacchetto della spazzatura.

Di fronte alla scena terribile, le persone incaricate del luogo non potevano credere che l’animale fosse ancora vivo: aveva perso la maggior parte del pelo e aveva una terribile infezione della pelle che non era stata curata da anni.

“Apparentemente, l’hanno trovata in quella busta di plastica dietro una vecchia chiesa sul lato sud della città. La sollevarono e la gettarono nel rifugio. Siamo molto arrabbiati per questo, ma siamo anche grati che sia qui, che possiamo trattarlo e che sia vivo “, ha detto Christie Chipps Peters, direttore del RACC.

A quel tempo Peters non era al riparo, tuttavia, fu informato di tutto ciò che stava accadendo da uno dei dipendenti. Rapidamente, tutta l’attrezzatura del posto era destinata a occuparsi dei molteplici problemi del povero cane: principalmente a un’infezione alle vie respiratorie superiori, alla congiuntivite e ai denti.

“Non ha mai ricevuto alcun tipo di attenzione medica, quindi faremo tutto il possibile per aiutarla. I suoi polmoni fanno uno strano rumore, quindi sta prendendo antibiotici che la aiuteranno a espellere tutto quello che non dovrebbe essere lì “, ha detto Peters.

Il cane si chiamava Annabelle e nonostante tutte le sofferenze che ha vissuto, mantiene un atteggiamento positivo. “Annabelle è il cane più dolce e più felice. Non smette mai di muovere la coda. È così tenera e gentile, ci ricorda che gli animali che provengono dalle situazioni più orribili riescono comunque a essere dolci e amichevoli con le persone. Siamo ispirati dalla sua incredibile capacità di recupero “, afferma Peters.

Fortunatamente, il bel cagnolino è già stato adottato e si ritrova felice nella casa amorevole che ha sempre meritato. Ha superato tutte le sue ferite fisiche e psicologiche, accanto al suo nuovo fratello canino e alla sua famiglia. I nostri migliori auguri sono con lei.

Lascia un commento