Sacerdote Vuole Eliminare la Cagnolina Che Assiste Alla Messa Dicendo Che E’ Puzzolente

Questa è una di quelle storie tristi per quanto riguarda il degrado di alcune zone della terra ma la cosa più grave è l’ignoranza e l’arroganza di chi invece dovrebbe predicare solo il bene, 
Ci troviamo in una cittadina del Brasile, il parroco della chiesa, purtroppo se ne è dovuto andare lasciando il posto a un sacerdote più giovane di nome Francisco Mendez il quale, a quanto sembra, non è amante degli animali. C’era una cagnolina randagia, che andava sempre a sentire la messa con il vecchio parroco, a questo nuovo, dava molto fastidio perchè diceva che puzzava e ha anche detto che le avrebbe fatto l’eutanasia se non avesse smesso di frequentare la chiesa. 
sf
La cattiveria umana è veramente tanta, uno dei seguaci del parroco, un giorno ha versato dell’acqua bollente sulla cagnolina Adelaide, la piccola ha ululato dal dolore e subito molti fedeli sono andati in suo aiuto, chiamando un’associazione che l’ha presa in cura, ricoverata e fatta guarire. 
 
Il sacerdote è stato richiamato anche da altri sacerdoti, molti dei suoi fedeli, non frequentano più quella chiesa, quel cane per loro non era un problema, anzi, a tutti faceva piacere vederla comparire puntuale tutti i giorni in chiesa. La chiesa non è solo la casa dei sacerdoti, la chiesa dovrebbe unire tutti gli esseri che vogliono entrarci e bisognerebbe accogliere tutti anche i cani randagi la cui vita è già difficile senza che un sacerdote arrogante ecattivo faccia loro del male.
jhvj
Agli occhi di Dio, siamo tutti uguali, tutti abbiamo un’anima, anche i cani, i gatti, le pecore o i vitelli, quindi bisognerebbe avere il massimo rispetto per la vita di ogni essere vivente. 
Comunque Adelaide sta bene, per fortuna è guarita ed è di nuovo libera di girare nella città, ogni bitante del posto se ne prenderà cura, lei ora è un cane di quartiere e continua a frequentare la chiesa anche contro il volere del sacerdote che ha avuto molti richiami per il suo gesto infame e vigliacco.
 

Lascia un commento