“Non potevo immaginare cosa stesse per accadere, si è chinato per accarezzare il mio cane, ero con mio figlio, poi mi ha dato una spinta e mi ha buttata a terra, non lo voleva accarezzare, lui voleva…”

“Il nostro Buster è un altro figlio. Con Tom, fanno coppia fissa, dove sta il bambino sta lui, se non so dove sia mio figlio basta chiamare il cane che subito mi porta da lui. Eravamo a passeggio, spesso di pomeriggio andiamo al parco, quel giorno è accaduto qualcosa di terribile, mai avrei immaginato…

Un uomo, giovane in realtà, si è avvicinato al mio cane, si è abbassato e lo ha accarezzato, ero felice e orgogliosa, Buster è molto educato e se qualcuno offre carezze lui le accetta di gran cuore” Improvvisamente il tizio compie un gesto incredibile, da una spinta alla signora e la butta a terra, strappa il guinzaglio dalle mani del bambino e scappa con il cane sotto braccio.

La mamma prende Tom, lo stringe forte a se, lui si dispera di pianti lei è sconvolta. Chiama il marito e poi le forze dell’ordine, non si capisce il perché di tale gesto, non è un cane di valore economico! Passano i giorni, le settimane e anche i mesi, le ricerche non danno alcun frutto sperato e quando la rassegnazione sta prendendo ormai  piede nei loro cuori arriva una telefonata…

 

Una giovane donna aveva trovato un cane ridotto malissimo, l’aveva portato in clinica e dal numero di chip si è risaliti al nome e al proprietario. Sono andati di corsa, era proprio lui Buster, dopo sette lunghissimi mesi era vivo! Il cane stava male, era stato picchiato, probabilmente l’uomo era un malato mentale. Buster aveva una catena spezzata attaccata al collo, qualcuno l’aveva spezzata per farlo scappare. Adesso è di nuovo a casa con la sua mamma e il suo adorato Tom, ovviamente il bambino non si stacca da lui, adesso è lui ad aver cura del pelosetto. Quello che vogliamo dirvi è l’importanza di mettere il chip al vostro cane, se tenete a lui dovete assolutamente metterlo, Buster sarebbe finito in un canile…mai avrebbe ribbracciato la sua famiglia!

 

 

Lascia un commento