Questo lupo giaceva ferito in un fosso e tutti lo ignoravano finché una donna lo ha notato e ha cambiato il suo destino

I lupi arabi possono essere trovati in stati come Israele, Yemen, Giordania e Arabia Saudita, sono di dimensioni più piccole rispetto ai loro parenti americani ed europei e come aspetto ricordano quasi dei cani.

ar1

Inoltre, non sono molto benvisti dagli agricoltori, perché sono noti per uccidere il bestiame.

ad34

Così, quando uno di questi lupi lo scorso anno è stato investito da un auto su una strada in Israele, il conducente non si è fermato per soccorrerlo, lasciando l’animale in un fosso con una zampa rotta.

as4

Il lupo soffriva molto e zoppicava faticosamente lungo la strada, e non sarebbe sopravvissuto a lungo in queste condizioni.

da6

Tuttavia, grazie alla gentilezza di una sconosciuta che si è fermata lungo la strada, il lupo è stato portato in breve tempo al più vicino ambulatorio veterinario.

afa8

Il lupo venne chiamato Oliel e venne subito sottoposto alla radiografia: i risultati mostravano un femore rotto, così i chirurghi lo hanno anestetizzato per operargli la zampa.

agag2

Oliel però aveva davanti un lungo percorso prima di guarire dalla sua ferita, e stava vivendo in cattività: ciò non era affatto l’ambiente ideale per un lupo selvatico. Dopo quattro lunghi mesi, Oliel era finalmente forte per essere liberato.

g1

Lo staff veterinario ha dunque caricato la sua gabbia su un camion: Oliel non sapeva ciò che stava per accadere, né che a breve sarebbe stato restituito al suo ambiente naturale.

ag21

Arrivati sul posto, hanno appoggiato a terra la gabbia, aperto la porticina, e dopo pochi secondi di timore, il lupo ha scoperto che da quel momento sarebbe stato libero e sarebbe potuto tornare nella natura.

aww1

È davvero una gioia vedere Oliel riabilitato a1e felice di essere nuovamente allo stato brado: è bello vedere che ci sono persone amanti degli animali che si preoccupano di aiutare la fauna selvatica ferita. Speriamo che Oliel resti fuori da altri pericoli!

 

Fonte: weloveanimals.me

Lascia un commento