Le macchine sfrecciavano accanto a lei a velocità elevata. Dottie si trovava in un incubo. Era solo una questione di minuti e la cucciola sarebbe finta sotto le ruote di una macchina. Si era fatta piccola piccola e aspettava la fine ma il destino aveva altri piani per lei

La Route 51, in Arizona, non è certo un posto adatto per lasciare che il proprio cane vi passeggi tranquillo. Tutt’attorno, le macchine sfrecciano impietose e non permettono a nessuno, tanto meno ad un povero cane, che ci si avvicini alla sede stradale senza incorrere in un brutto incidente.

Tuttavia, questa cagnolina molto sfortunata si è trovata a lato di una di queste strade, una delle più trafficate in assoluto in Arizona, nonché quasi su scala mondiale. Avrebbe potuto avere una sorte davvero brutta: in orario non di punta, il traffico è molto scorrevole e le macchine viaggiano a velocità elevate.

Se non altro, sembra che questa cagnolina abbia avuto il suo angelo custode: uno degli ufficiali del distretto di polizia responsabile della zona stava monitorando la strada tramite delle videocamere, e con un po’ di attenzione l’uomo ha visto da lontano il povero animale.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Non poteva rimanere con le mani in mano, doveva fare qualcosa per salvarlo. Così Gil Estrada, impiegato nell’Arizona Department of Transportation (ADOT) decise di saltare in macchina e salvare la vita del cagnolino che aveva visto da lontano. Al momento del ritrovamento, scoprì che il cagnolino, rannicchiato sulla striscia che separa le due corsie, era una femminuccia di pochi anni di vita.

Subito la piccola venne portata all’Arizona Equine Rescue Organization (AERO), dove lo staff si offrì di tenere la cagnolina fino a che non trovasse una casa vera e propria. Venne battezzata Adot, in onore dell’uomo che non si fece problemi a salvarle la vita.

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Dopo i dovuti controlli e una buona razione di cibo, AERO si è messa subito in azione per cercare ad Adot (Dottie per i suoi amici) una casa, sempre se il padrone originale non la reclama. E, fortunatamente, dopo qualche settimana Dottie è stata adottata. Sinceramente, nessuno si spiega come la piccola sia potuta arrivare fino a lì: probabilmente è stata abbandonata durante un viaggio dei suoi proprietari.

Lascia un commento