L’allarme diceva di fare attenzione, quattro cani di grande taglia erano scappati, i vicini riferiscono che si tratta di cani aggressivi. La polizia si mette alla ricerca con il loro cane , poco dopo sono costretti ad aprire il fuoco,

Sono scappati dalla loro proprietà, il loro umano è fuori città, i vicini lanciano l’allarme, sono pericolosi non possono andare in giro. Inizia così questa storia di ignoranza e stupidità di un uomo che non ha saputo gestire la situazione. Il tizio in questione ha quattro cani di grande taglia, li tiene in malomodo, perché il cane va trattato male così diventa aggressivo, loro servivano nel suo recinto a proteggere la sua misera proprietà. La polizia prende il loro cane da ricerca, fa annusare la proprietà e poi si addentrano nella zona segnalata per cercarli.

All’improvviso il cane fiuta qualcosa, escono questi poveri animali e si avventano al cane poliziotto, si avvicina l’agente e uno addirittura cerca di azzannarlo. Partono i colpi di pistola, è il collega che spaventato da quello che sta accadendo non riesce da solo a trovare altra via d’uscita. Rimangono a terra tre dei cani padronali, il cane poliziotto viene ricoverato in gravi condizioni, l’agente e il quarto cane quasi illesi. Purtroppo questo è il risultato dell’ignoranza, della stupidità e della cattiveria del proprietario. Se quei cani fossero stati cresciuti come si deve tutto questo non sarebbe accaduto.

Nessun cane nasce cattivo, al signore serviva il cane da guardia, cosa sia poi ancora non l’ho capito, mettere così a repentaglio la loro vita a cosa è valso. Adesso il tipo dovrà rispondere di qualche capo d’accusa, ma è sempre troppo poco in confronto al male che ha fatto, ormai indietro non si torna. Il cane di servizio è vivo ma congedato per le gravi conseguenze, Il quarto cane è stato preso da alcuni volontari, verrà riabilitato per quanto possibile e si cercherà per lui una soluzione adeguata, di certo non ha colpa dell’idiozia del padrone. Questo è quello che accade quando avete in testa l’idea di cane da guardia!

Lascia un commento