Kid, il cane di Pescara del Tronto, che si sta lasciano andare per la tristezza ha bisogno di noi

Il terremoto del 24 agosto ha distrutto interi paesi e ha portato via tutto a tantissime famiglie. Ma non solo gli umani hanno subito delle perdite. Anche gli animali sono vittime innocenti di questa tragedia. Uno di questi è Kid, un cane randagio di Pescara del Tronto.

Nelle notte del terremoto il mondo di Kid è crollato come un castello di carte. Lui non aveva una casa… non nel senso vero della parola. Viveva sulle strade del paese ma era amato e riceveva sempre una carezza e qualcosa da mangiare da tutti. In particolare gli abitanti di una casa si erano affezionati a lui e gli davano sempre da mangiare quando veniva a trovarli.

kid cane

Ma tutto questo è finito nella notte del 24 aprile. Il terremoto ha fatto crollare tutto distruggendo completamente Pescara del Tronto. Kid si è salvato ma, probabilmente, ha subito un forte shock. È tornato davanti alla casa di quelli che lui considerava i suoi amici umani. Ed è lì che l’hanno trovato i vigili del fuoco in queste ore. Gli hanno offerto del cibo e una ciotola d’acqua ma Kid si rifiuta di alzarsi.
Sta steso lì, davanti a quella casa. È sporco e visibilmente sofferente. Cerca con gli occhi le persone che abitavano in quella casa. Non sono i suoi proprietari ma lui si era affezionato a loro e rappresentavano un punto fermo per lui.
Umberto, un vigile del fuoco che opera sul posto in questi giorni racconta:
“Non si allontana più da qui. Da tre giorni non si muove. I padroni abitavano qui. Ora dormono in una tenda. E forse lui è lì ad aspettarli.”
cane
Siamo sicuri che alla fine per Kid si troverà una soluzione. Se la famiglia che viveva lì non potrà adottarlo, per lui si apriranno altre strade. Speriamo che riuscirà a trovare un po’ di pace e tranquillità il prima possibile. Ecco perché vi abbiamo raccontato la sua storia.  Condividendola il più possibile le possibilità che Kid trovi qualcuno che lo ami aumentano.
 

2 commenti su “Kid, il cane di Pescara del Tronto, che si sta lasciano andare per la tristezza ha bisogno di noi”

Lascia un commento