Incredibili storie all’italiana: getta il cane dalla finestra dopo un litigio con la moglie, viene denunciato, condannato ma riesce ad adottare un altro cane. Ma quello che succede al secondo cane è ancora più assurdo!

La storia che stiamo per raccontarvi è uno di quei casi assurdi che ci lasciano attoniti. Si dici che la storia insegna ma non ha scolari… ebbene, in questo caso, è stato proprio così. Ma per dirvi quello che è successo nei giorni scorsi a un cagnolino, dobbiamo prima dirvi quello che è accaduto circa un anno e mezza fa a un altro.

Siamo a Pieve a Nievole ed è il 14 di luglio. Un uomo litiga con la compagna e per farle del male prende il loro cane Lucky e lo getta dalla finestra. Il cane, in fin di vita, viene salvato dai passanti  trasportato urgentemente in una clinica veterinaria. I medici fanno di tutto per salvarlo. Lucky rimane paralizzato ma dopo che la sua storia viene condivisa sui social, scatta una gara di solidarietà. Oggi Lucky sta meglio e la sua vita adesso è fatta di carezze e coccole tra le braccia della sua padrona.

Ma se per Lucky le cose si sono aggiustate nel migliore dei modi, per un altro essere indifeso la storia stava per ripetersi. Nel giorno di Santo Stefano, la mattina alle 8, una donna di Montecatini, Franca Iozzelli che lavora come agente di viaggio, si sveglia sentendo dei guaiti davanti al suo cancello. Quando va a controllare trova un cucciolo di circa 5 mesi affamato e infreddolito. Ha una pettorina e sul suo muso c’è una ferita che sembra una bruciatura.

La donna lo fa entrare in casa, gli da da mangiare e lo riscalda. Poi, pensando che potrebbe essersi perso, contatta il canile della città e mette le foto del cucciolo sui social, alla ricerca del proprietario.

Chicco nella sua nuova casa dopo il...

Nel frattempo il marito della donna fa il giro dei vicini chiedendo se qualcuno ha perso un cucciolo. Dopo poco si ferma una macchina. Dentro ci sono un uomo e una donna… lui è malandato e racconta di essere stato aggredito nella notte scorsa. Racconta di aver perso il cane di nome Lucky… ma si corregge subito dicendo Chicco.

Non molto dopo Franca riceve la telefonata del canile di Montecatini che conferma alla donna che il cucciolo non aveva il microchip ma che era di quell’uomo che si era fermato prima… ma qui arriva la parte assurda della storia. Le dicono che quello era lo stesso uomo che aveva gettato Lucky dalla finestra e che era stato denunciato dai carabinieri un anno e mezzo fa! Adesso lui vive in un camper insieme a quel cane che pare che aveva preso a Napoli.

Ha raccontato che nella notte di Natale è stato aggredito e il cane, nella concitazione, sarebbe scappato. Fortunatamente il buonsenso è prevalso e Chicco non è stato ridato a quell’uomo. Bisognerebbe capire come mai un uomo denunciato per maltrattamenti su animali avesse un altro cane.

Per Chicco il Natale è arrivato un po’ in ritardo. Adesso vive con Franca e a breve la sua adozione sarà regolarizzata. La donna è molto felice di averlo trovato e racconta:

“L’ho preso in braccio e mi sono subito innamorata… è dolcissimo ed esuberante come tutti i cuccioli. Ha scavato mezzo giardino e si è già scelto il posto dove riposarsi: sul tappeto, davanti al camino. Gli piace farsi accarezzare e grattare la pancia. È un amore. Non vedo l’ora di regolarizzare la mia adozione e poi la nostra diventerà la nuova famiglia di Chicco”.

Una storia a lieto fine ma che ci fa capire che non bisogna mai affidare gli animali senza fare dei controlli approfonditi sugli adottanti. Quindi, la prossima volta, non lamentatevi se le volontarie o i canili indagano su di voi prima di darvi un cane!

Lascia un commento