Il povero Charlie fu lasciato legato al cassonetto, con tutta la spazzatura sparsa intorno a lui. Quando i veterinari guardarono dentro la sua bocca rimasero scioccati.

Legato a un cassonetto, con i detriti sparsi intorno a lui, Charlie non ebbe altra scelta che sedersi lì finché qualcuno non lo trovò. La sua faccia era gonfia per essere stata picchiata, aveva fame e lui era completamente solo, finché due persone gentili lo hanno visto e aiutato.

La coppia si precipitò a portare il pitbull di 2 anni al Philadelphia Animal Hospital. Ciò che i veterinari videro quando lo esaminarono per la prima volta era diverso da tutto ciò che avevano visto. Adria Rebbecchi, direttore delle comunicazioni presso l’ospedale per animali, ha dichiarato a The Dodo :

“Abbiamo alzato le sue guance, e l’interno delle sue guance e labbra erano completamente infestate da vermi. Sentiva così tanto dolore che non voleva nemmeno muoversi. ”

Vedendo quanto fosse urgente la situazione di Charlie, l’ospedale per gli animali iniziò immediatamente il trattamento.

“Una delle persone che lo ha portato da noi è un cliente da molto tempo e quando abbiamo visto Charlie, siamo stati così contenti di offrirgli l’aiuto di cui aveva bisogno.”

Il padre di Adria decise di coprire tutte le sue spese mediche in quel momento.

I veterinari diedero a Charlie un antidolorifico e pianificarono immediatamente un intervento chirurgico per aiutarlo con le sue labbra e la sua bocca. Poiché l’infestazione da vermi era così avanzata, il tessuto era troppo danneggiato per essere salvato e doveva essere rimosso.

Dovevano prendere la decisione di provare un intervento chirurgico a settimane, nel tentativo di aiutarlo a riprendere una parte delle sue labbra.

Adria ha detto: “Ha lasciato che le persone che lo hanno trovato camminassero direttamente a lui e lo prendessero in braccio, così abbiamo pensato che fosse dolce. Da allora, è sempre stato felice di stare con le persone e non smette di baciarle e cerca di giocare. Date le sue condizioni, si sentiva molto a suo agio con le persone. ”

La squadra veterinaria sapeva che avrebbe avuto bisogno di una madre affidataria, e lei era la candidata perfetta. Dopo tre mesi di intensa assistenza medica, Charlie si è appena trasferita con la sua nuova famiglia adottiva questa settimana. Sta già facendo nuove amicizie.