Dubbi e domande sulla convivenza con il proprio gatto? “Il vet lo sa” e saprà darvi le risposte che cercavate

I gatti e i cani ci accompagnano da sempre. Ci stanno accanto, ci danno conforto, ci aiutano nella vita di tutti i giorni e ci amano profondamente. Si dice che la vita con un animale sia migliore e questo possono confermarvelo tutte quelle persone che hanno scelto di accogliere nelle proprie case un animale domestico.

Ma è proprio questo il punto: l’accoglienza nelle case. Perché la convivenza con i gatti e con i cani ha subito tanti cambiamenti lungo i secoli. All’inizio solo i gatti più fortunati potevano vivere nelle case insieme ai loro umani. Gli altri erano solo degli strumenti… dovevano sterminare i topi, tenendo lontano, così, il pericolo delle malattie.

Ultimamente, i gatti sono entrati a fare parte, a tutti gli effetti della nostra famiglia. Ecco perché abbiamo deciso di approfondire ulteriormente l’argomento della convivenza, visto che c’è molta disinformazione in giro e che i poveri gatti sono spesso vittime di ignoranza e maldicenze.

E, per fare luce sull’argomento, siamo andati ad incontrare, nel bellissimo scenario del Parco Forlanini, il dott. Marco Melosi veterinario e chirurgo ortopedico per animali che, durante l’evento #ilvetlosa ha provato a spiegarci alcuni aspetti importantissimi che tutti noi dovremo conoscere. L’evento è stato organizzato con il contributo non condizionante di MSD Animal Health.

Il dott. Marco Melosi, oltre ad essere uno stimato professionista, è anche il presidente ANMVI (Associazione Nazionale Medici Veterinari). Con il suo aiuto abbiamo provato a sapere di più sui vaccini, sulle malattie, sull’alimentazione e su come gestire al meglio la convivenza con i nostri gatti.

Abbiamo scoperto che c’è tanta disinformazione in giro e, spesso, a farne le spese sono loro, i gatti. Quante volte i poveri animali sono stati portati nei gattili (e questi sono i casi più fortunati) perché in casa c’era una donna incinta? Troppe volte succede questo e il dott. Marco Melosi ha sottolineato che il rischio di contrarre la toxoplasmosi in gravidanza si riduce quasi a zero se si rispettano tutte le norme igieniche. Se infatti stiamo attenti a cambiare la sabbia nella lettiera quotidianamente il pericolo è nullo, perché le oocisti ci mettono qualche giorno a maturare nelle feci.

Alla fine il dottore ha sottolineato che l’amore per il nostro gatto o il nostro cane deve essere dimostrato anche curando la loro alimentazione e la loro salute. Facendo prevenzione sugli animali riusciamo a proteggere noi stessi e la nostra famiglia, perché alcuni parassiti interni o esterni possono trasmettere malattie pericolose anche per l’uomo. Il veterinario deve dunque diventare un punto di riferimento per la famiglia, perché oltre a fare un bilancio di salute annuale al gatto di casa, darà consigli sui vaccini necessari e sul tipo di antiparassitari più adatti a seconda del suo stile di vita e delle sue abitudini. Purtroppo spesso i gatti nascondono bene il loro malessere e i padroni si accorgono della malattia, quando ormai è troppo tardi per intervenire con successo. Bisogna cogliere eventuali segnali, ma anche abituarsi a portare il nostro micio a fare dei controlli almeno una volta all’anno. Da evitare anche i rimedi fai-da-te sugli animali. Ad esempio bisogna fare attenzione alla somministrazione degli antiparassitari: se si utilizzano farmaci spot-on autorizzati esclusivamente per cani sui gatti, si può addirittura causarne la morte.

L’unica cosa da fare quando si hanno dei dubbi o delle domande legate alla convivenza o alla salute del nostro gatto è rivolgersi al proprio veterinario di fiducia. #ilvetlosa