Dubbi e domande sulla convivenza con il proprio cane? “Il vet lo sa” e saprà darvi le risposte che cercavate

Il mondo cambia continuamente e gli umani e gli animali che lo popolano si sono evoluti trasformandosi in quelli che tutti noi conosciamo. Anche il rapporto tra umani e animali è cambiato. Gli uomini primitivi avevano già capito l’importanza di avere accanto un cane o un gatto addomesticato e sono riusciti a creare con loro un forte legame che non si è mai spezzato nel tempo.

Ovviamente, i cani e i gatti non ricevevano lo stesso trattamento che hanno oggi. I cani, per esempio, erano usati per svolgere varie mansioni: dovevano difendere il gregge dai predatori, la casa dai malviventi, trainare le slitte, contribuire alla caccia, cercare i tartufi e, addirittura, badare ai bambini (da vedere il ruolo dei pitbull nella prima parte del 1900). Allora non c’erano veterinari e nemmeno medicine specifiche.

Adesso le cose sono molto cambiate. I cani fanno parte, ormai dalle nostre famiglie e sono passati negli ultimi 50 anni dal dormire nel canile, al giardino, al divano e ultimamente hanno raggiunto anche il letto. Proprio perché i contatti uomo-cane sono sempre più stretti è fondamentale curare la salute animale dalla quale dipende in buona parte anche quella umana.

I cani sono i nostri compagni fidati che, con la loro lealtà e con la loro innata sensibilità migliorano la nostra vita, specialmente quella dei bimbi. E noi, per ricambiare, dobbiamo assicurarci che ricevano il cibo e le cure migliori. Per non sbagliare bisogna rivolgersi sempre al proprio veterinario di fiducia che saprà indicarci la via da seguire per il benessere del nostro amico a quattro zampe.

Abbiamo deciso di informarci meglio e dirvi di più su quest’argomento. E chi poteva rispondere alle nostre domande se non un professionista?

Siamo andati ad incontrare, nella splendida cornice dell’Antico Borgo in Città nel Parco Forlanini di Milano, il dott. Marco Melosi veterinario e chirurgo ortopedico per animali che, durante l’evento #ilvetlosa organizzato con il contributo non condizionante di MSD Animal Health, ha provato a spiegarci alcuni concetti importanti sulla convivenza tra umani e animali e su quanto sia importante rivolgersi sempre al proprio veterinario per qualsiasi aspetto che riguardi la salute del proprio pet.

Durante l’incontro il dott. Marco Melosi che è anche il presidente ANMVI (Associazione Nazionale Medici Veterinari) ha parlato di vari aspetti che riguardano la salute dei nostri animali, ma anche di come prevenire e curare alcune malattie. È stato molto interessante capire come garantire la salute dei nostri amici a 4 zampe e, nello stesso tempo, anche la nostra e dei nostri famigliari.

Un capitolo importante riguarda gli anti-parassitari, importanti per fare da scudo ai parassiti interni ed esterni che possono aggredire i nostri animali domestici esponendo a rischi di malattie anche noi. Pulci, zecche, vermi costituiscono un pericolo anche per la salute umana, perché possono trasmettere malattie anche gravi, come la malattia di Lyme (causata dalle zecche).

Oggi esistono diversi anti-parassitari (anche sotto forma di compresse) che riescono a tenere sotto controllo il problema. È importante però non farsi tentare dal fai-da-te e farsi suggerire sempre dal veterinario quali tipi di farmaci siano più adatti al nostro cane. A seconda delle abitudini e stile di vita infatti ci sono soluzioni diverse.

Una malattia insidiosa e molto pericolosa per i cani è la Leishmaniosi, purtroppo in Italia c’è  molta disinformazione sul tema, nonostante in certe regioni sia endemica. Si trasmette  tramite la puntura di un insetto vettore, comunemente conosciuto con il termine di pappatacio, attivo da giugno a ottobre, e dato che la diagnosi precoce è piuttosto difficile per i tempi di incubazione lunghissimi, è molto importante la prevenzione, cioè bisogna fare di tutto per evitare che il cane venga punto. Come? Facendolo dormire in casa dato che  i vettori pungono solo di notte e utilizzando magari delle zanzariere. Non tutti gli animali reagiscono nello stesso modo al contatto con il parassita, alcuni rispondono bene e distruggono il parassita a livello cutaneo altri si ammalano in maniera grave, perché è una malattia che distrugge il sistema immunitario da dentro. La Leishmaniosi in rari casi si attacca all’uomo e può far ammalare bambini, anziani e immunodepressi, in Italia se ne contano circa 200/300 casi l’anno. Sul mercato è disponibile anche un vaccino, che aiuta il sistema immunitario del cane a impedire la comparsa della malattia anche se non è in grado di prevenire le punture. Per questo motivo sarebbe sempre utile associarlo a prodotti repellenti che impediscono la puntura e quindi la trasmissione dell’infezione.

Il dott. Melosi ha parlato anche dell’alimentazione degli animali domestici, sottolineando che i nostri pet non possono e non devono seguire una dieta vegana, visto che hanno esigenze alimentari diverse da quelle degli umani. Si è parlato a lungo anche dei vaccini e il dott. Marco Melosi ha concluso dicendo che dobbiamo fare prevenzione sugli animali per proteggere anche gli umani.

Chiudiamo qui il nostro discorso invitandovi a non trascurare mai la salute dei vostri amici a 4 zampe e osservare le poche semplici regole igieniche di buon senso, come non baciare la bocca dei cani, non dividere mai il cibo con loro, perché anche se li amiamo tanto dobbiamo ricordare sempre le loro abitudini (camminano per strada e infilano il naso proprio dappertutto!). Una buona abitudine è anche controllare sempre le zampe dopo la passeggiatina, perché proprio lì possono nascondersi zecche, insetti e sporcizia. Armatevi di pettine e spazzolate il vostro cane almeno una volata al giorno e non dimenticate di fare visita al vostro veterinario di fiducia almeno una volta all’anno e tutte le volte che avete un dubbio.

Lascia un commento