Chase, La Cagnolina Salvata Nel Giorno In Cui Doveva Essere Sottoposta Ad Eutanasia

Gli umani sono la peggior specie sulla superficie della terra. Si sono autoproclamati specie dominante e hanno deciso che qualsiasi altro essere vivente deve essere sottomesso al loro potere.

1

Vi vogliamo parlare di Chase e di come uno dei volontari di Hope for Paws, Eldad Hagar, è riuscito a cambiare il suo destino. Questa cagnolina era arrivata in questo rifugio per animali dopo aver subito abusi e maltrattamenti da parte del suo proprietario.

1b

La sua paura nei confronti degli umani era dovuta a tutte le brutte esperienze del passato. I cani come Chase, infatti, difficilmente trovano una nuova famiglia e, spesso, sono sottoposti ad eutanasia.

2

Anche lei aveva il destino segnato. Il suo nome compariva nella lista dei cani che dovevano essere soppressi il giorno stesso in cui uno dei volontari di Hope For Paws è entrato in questo rifugio di Los Angeles. E, visto che si trovavano nella Città Degli Angeli, un angelo ha toccato con le sue ali Chase, salvandola dalla morte.

 

Vedendola così piccola e indifesa Eldad ha chiesto ai responsabili del rifugio di dare un’opportunità a Chase. Ha chiesto loro tre giorni per provare a riconquistare la sua fiducia. E con tanta pazienza e amore Eldad ci è riuscito. Chase, che aspettava da tanto tempo una carezza, si è ammorbidita e ha permesso all’uomo di abbracciarla e di accarezzarla.

3

Eldad l’ha portata a casa sua e lì è cominciata la terapia di ricupero. Come vedrete anche nel video, Chase ci ha messo tre giorni per tornare a fidarsi di nuovo di un essere umano. Tre giorni per perdonare tre anni di abusi e di maltrattamenti.

4

In seguito, Chase è stata adottata e la sua vita è cambiata. Adesso è una cagnolina felice che ha lasciato alle spalle il dolore e la paura.

5

Ma, come Chase, sulle strade ci sono altri cani che hanno bisogno di aiuto. Per aiutarli dobbiamo essere in tanti. Non tiratevi mai indietro se si tratta di tendere loro una mano e loro sapranno come ricompensarvi!

Lascia un commento