La piccola Giorgia era intrappolata sotto le macerie da nove lunghe ore quando il cane Leo l’ha fiutata. I suoi lamenti erano diventati talmente flebili che era impossibile percepirli. Un salvataggio incredibile reso possibile solo grazie al nostro eroe a quattro zampe

Un’altra bellissima storia con un lieto fine che vogliamo raccontarvi. In questi momenti di dolore queste storie servono per ridarci la speranza e per donarci un po’ di gioia.

È accaduto a Pescara del Tronto, in cui le squadre cinofile sono state inviate per aiutare gli umani nelle ricerche delle vittime del terremoto rimaste intrappolate. Uno di questi cani è Leo, un Labrador dal pelo nero che, grazie al suo infallibile fiuto, è riuscito a salvare una vita. A raccontare la tragedia in un’intervista è stato il sovraintendente della polizia cinofila.

Leo si è agitato richiamando l’attenzione dei suoi colleghi che hanno capito immediatamente che aveva fiutato qualcosa. Hanno iniziato a scavare sul punto indicato dal cane senza fermarsi per nove lunghe ore. Mentre il tempo scorreva la speranza svaniva sempre di più, finché dopo essere arrivati a tre metri di profondità dei strazianti lamenti si udivano appena. Così hanno continuato a scavare più velocemente possibile con ogni mezzo a disposizione e anche a mani nude. Alla fine il miracolo era lì davanti a loro, un piedino si muoveva tra le macerie e una grande emozione riempì i cuori di tutti presenti. Si trattava di Giorgia una bambina di soli dieci anni rimasta intrappolata sotto le macerie della sua casa. Inizialmente la piccola era intontita e disidratata, cercava dell’acqua senza nemmeno riuscire a parlare, ma successivamente un’altra forte emozione ha commosso tutto il paese. La bambina ha ripreso le forze e ha urlato: “Mi chiamo Giorgia!”

a

Anche se non eravamo lì ad osservare la scena, le parole del poliziotto ci hanno trasmesso la stessa identica emozione e ci sentiamo proprio come lui.

“NOI SIAMO GENITORI ABBIAMO AVUTO UN ALTRA FIGLIA”

Ascoltate voi stessi le sue parole durante l’intervista:

Fonte: http://video.sky.it