Labrador salva bambino dalla babysitter che lo maltrattava all’insaputa dei genitori…

Nel 2012 Benjamin e Hope ebbero un figlio, l’essere che amavano di più al mondo, insieme al loro altro figlio adottivo Killian. Quest’ultimo era un bellissimo cagnolone nero che li aveva accompagnati per diversi anni ed era sempre stato un cane estremamente mansueto e tranquillo ed estremamente legato al piccolo nuovo arrivato. Nel 2013 la famiglia decise di assumere una tata per il figlio Finn che aveva poco più di un anno. In un primo momento hanno pensato che tutto andasse bene e che la tata fosse in gamba, ma dopo un po ‘si resero conto che il cane, Killian, iniziò a comportarsi molto stranamente ogni volta che la tata veniva a casa. 

1

Killian era un cane molto tranquillo, ma da un giorno all’altro ha cominciato a ringhiare ogni volta che la tata si avvicinava al bambino, divenne aggressivo in presenza della donna. I genitori che avevano una gran fiducia e consideravano Killian parte integrante della famiglia, immediatamente sospettarono che se il cane si comportava cosi, c’era qualcosa non andava. Avendo fiducia nel loro figlio a 4 zampe e capendo che la tata stava nascondendo qualcosa , decisero di lasciare attivo un registrazione per controllare la situazione in loro assenza. Questo ha rivelato loro qualcosa di molto peggio di quanto avrebbero potuto immaginare. Nella registrazione riuscirono a sentire come la donna urlava e maltrattava il loro bambino.

Immagine

Grazie a Killian che con il suo comportamento ha messo in allarme la famiglia, i genitori scoprirono ciò che accadeva in loro assenza. La tata fu prontamente denunciata e il bambino si liberò da questa situazione senza subire gravi danni, col tempo sarebbe potuta diventare un esperienza traumatica per il piccolo, ma con un fratellino come Killian a vegliare su di lui, ciò non sarebbe mai potuto accadere.  Il rapporto che si crea tra un animale e un umano è qualcosa di unico quando da entrambe le parti c’è amore e rispetto, un cane cercherà sempre di proteggere la sua famiglia, sta a noi imparare ad ascoltare.