Abbandonano i cani all’interno di casse di legno e con una museruola di lacci. Non potevano muoversi o mangiare

Ogni giorno siamo assaliti da situazioni che mettono in risalto la cattiveria dell’essere umano, ma dobbiamo tenere conto che insieme ad essa gran parte delle volte c’è anche uno o più umani di buon cuore che cercano di rimediare al male che attuano i nostri simili.  La violenza può essere fisica o psicologica ma per questi cagnolini si trattò di entrambe. E’ successo in Uruguay, dove un intera famiglia di cagnolini sono stati abbandonati, chiusi in scatole di legno, legate con del fil di ferro, senza la possibilità di stendere nemmeno le zampe e certamente senza cibo né acqua.

Dopo essere stati trovati in un luogo isolato, l’organizzazione “mas que quatro patas”, li salvò immediatamente. Aprirono le scatole e finalmente tutti gli animali videro di nuovo la luce del sole. Secondo il loro stato di denutrizione e disidratazione, i cani si trovavano rinchiusi da diversi giorni, vicino ad un autostrada poco trafficata e nascosti alla vista. Se non fossero stati trovati sarebbero morti lentamente in agonia.

Una delle volontarie racconta:”I lamenti provenivano da delle casse di legno abbandonate affianco ad un’autostrada. Abbiamo aperto la prima e ho visto due occhi terrorizzati, di chi non poteva fare altro che chiedere pietà. Nell’altra cassa la situazione era anche peggiore…”

In una delle scatole si trovava un cane terribilmente spaventato e denutrito, nei suoi occhi si percepiva il terrore di chi aveva subito di tutto, sembrava implorare che non gli fosse fatto del male. Nell’altra cassa c’era una cagnolina giovane che aveva partorito e con lei i suoi cinque cuccioli.di circa un mese di vita. Fortunatamente gli animali sono stati trovati in tempo e portati immediatamente in una clinica.

Hanno riacquistato le forze in poco tempo, dato che non avevano gravi problemi fisici a parte la denutrizione. Sono stati vaccinati e sverminati e sono pronti per essere accolti in una nuova famiglia.

Le storie di cani abbandonati o abusati non hanno sempre questo lieto fine, per questo è nostro compito, da umani, prendere coscienza e riportare sempre situazioni anomale, nell’immediato.

Ricordati, la violenza può essere anche silenziosa, vedere e ignorare è una delle sue forme. Di seguito il video del salvataggio.

Articoli correlati