Veniva rasata, truccata e profumata per permettere all’uomo di fare la cosa più deplorevole che si possa immaginare: la sconvolgente storia di Pony

La straziante storia di maltrattamenti verso questo innocente orangotango rivela la putrefazione e la “bestialità”, che può raggiungere l’essere umano. Quando pensiamo di aver sentito abbastanza, un nuovo caso scuote i nostri cuori e ci chiediamo se possiamo ancora aspettarci qualcosa di peggio dall’umanità …

Pony ha vissuto per anni incatenata in un bordello a Kereng Pangi, in Indonesia. Non è noto per quanti anni, ma ciò che Pony ha sofferto è la cosa più degradante che si possa fare a una femmina.

Pony è stata separata da sua madre quando era piccola per essere sottoposta a una vita di schiavitù se$suale e orrore: veniva rasata ogni giorno, truccata, profumata, adornata con gioielli e abiti eleganti … Come una prostituta!

Tutto per soddisfare i desideri depravati dei suoi clienti, la maggior parte dei lavoratori agricoli della zona, che pagavano piccole somme di denaro in cambio di un incontro con la tanto ricercata Pony.

La ceretta causava irritazione alla pelle e alle piaghe, aveva diversi tagli sulla pelle e notevoli danni psicologici dopo aver vissuto incatenata con le sue grandi dimensioni. Sebbene ci fossero donne nel bordello che erano anche schiavizzate, gli uomini preferivano Pony. È atroce!

Dopo che l’orribile detenzione e l’asservimento all’animale furono conosciuti, innumerevoli denunce riuscirono a mettere fine agli affari nel 2003, quando 35 poliziotti armati fecero irruzione nel bordello per salvarla. Tuttavia, il denaro presente era così tanto che i proprietari si rifiutarono di arrendersi, e tutto si trasformò in una violenta lotta con armi e coltelli.

Ma infine, l’Autorità Centrale per la Conservazione e le Risorse Naturali di Kalimantan (BKSDA), in collaborazione con la BOS Foundation, organizzò una lunga indagine e un’operazione di salvataggio per confiscare Pony dalle mani dei suoi rapitori.

Pony è stato portato a una nuova vita di libertà presso il Centro di riabilitazione Menteng di Nyaru, dove ha cercato di recuperare la sua salute mentale e fisica. I suoi educatori dicono che all’inizio potevano avvicinarsi solo donne, la sola presenza di un uomo la terrorizzava.

“Quando un uomo si avvicinava, andava in un angolo e si faceva la pipi addosso. Le prendeva il panico. ”

Anche se ora è in buone condizioni, Pony vive in cattività e non potrà mai tornare nel suo habitat. Tuttavia, è accompagnata da altri sette oranghi, che sono stati fondamentali per il suo pieno recupero.