Quello che avrebbero dovuto dirmi prima di adottare il mio pitbull in un canile. Cose che avrei dovuto sapere perché un pitbull non è quello che mi aspettavo

Mi hanno detto : “è un cane forte, pesa circa 40 kg e con un po’ di addestramento sarà perfetto”. Ok, ho pensato, dovrebbe bastare… Ma non era così. Avrebbero dovuto dirmi ben altro:

Mi dovevano dire che, dopo averlo adottato, avrei cominciato a considerare gli stereotipi e i giudizi della gente come attacchi diretti alla mia persona e contro qualcuno che amo profondamente. E che adesso per me, difendere la razza è diventata una missione.

Mi dovevano dire che tutte quelle cose che la gente pensa dei pitbull sono nel 70% dei casi false o terribilmente sbagliate: mascelle che si chiudono a tenaglia? Falso. I pitbull nascono aggressivi? Falso. I cani appartenenti a questa razza sono potenziali assassini? Falso.

Mi dovevano dire che una volta che mi avrà accettata nel suo branco, m’insegnerà cosa significa la lealtà. Che dovrò spiegare, cento volte, a tutti i postini che il mio cane è dolce e affettuoso e che non farà mai del male a nessuno.

Che inizierò a camminare in modo leggermente bilanciato per tenere il passo con il dolce gigante accanto a me. Che mi sentirò fiera ogni volta avere con me un meraviglioso amico come lui.

Avrebbero dovuto dirmi che soffrirò ogni volta che sentirò che un pitbull, finito nelle mani della persona sbagliata, ha fatto del male a qualcuno. Che mi si spezzerà il cuore ogni volta che mi racconteranno di un pitbull abbandonato su una panchina con i suoi giocatoli e la sua copertina perché l’umano sbagliato non se la sentiva più di occuparsi di lui…

Avrebbero dovuto dirmi tutto questo prima di adottare un pitbull in un canile.. questo e molto altro ancora… come, per esempio, che mi considererò fortunata e onorata ad avere un amico come lui.

Lascia un commento