Nessuno si preoccupa per lui. Questo gabbione è tutto quello che ha. E’ timido, resta in un angolo a guardarti. Non ha neanche uno straccio, né una misera coperta dove poter sdraiarsi, solo cemento.questo posto sarà anche la sua tomba se nessuno lo aiuta.

Vive abbandonato in un cubo di cemento, senza coperte né affetto. I volontari di Enpa cercando disperatamente una casa, o almeno uno stallo, dove possa riscaldarsi le ossa e mangiare in una ciotola pulita. Lui si chiama Reno, anche se lo chiamano solo ‘cane’ ed è un giovane bretoncino che non ha mai conosciuto una carezza, lo si nota nel suo modo di nascondersi, ha perso la fiducia ed ha lo sguardo triste, povero amore.

“Vive qui, in questo cubo di cemento – ha commentato con le lacrime Federica De Pretto, presidente Enpa Thiene Schio che insieme ai suoi volontari non ha più posto in casa nemmeno per un pesce rosso – Nessuno si preoccupa per lui. Questo gabbione è tutto quello che ha. E’ timido, resta in un angolo a guardarti. Gli vorrei dare una possibilità. Portarlo via da lì.

 

Non ha neanche uno straccio, né una misera coperta dove poter sdraiarsi, solo cemento. Non riesco ad immaginare come può stare e quanto può sentirsi solo. C’è una persona dal cuore grande che gli offre una casa? Vi prego. Noi volontari non ce la facciamo più ed in canile non lo accettano, non sappiamo perchè”. Ancora non si è capito bene perché la gente adotta o compra cani per poi abbandonarli, può capitare che per motivi di lavoro o mancanza di soldi non si possa più tenere un nostro peloso, ma oggi giorno con i social e cosi facile trovare adottanti, basta ben poco, Reno è uno dei tanti cani sfortunati che hanno optato di abbandonare.

l volontari fanno un lavoro meritevole e spesso loro stessi adottano i cani o gatti prima di vederli per strada senza cibo né acqua, né dove dormire. Reno sicuramente grazie ai volontari e ai social troverà una famiglia che lo sappia coccolare, amare e non fargli mancare nulla.

Per informazioni contattare il 347 2796801 via sms o whatsapp.