Nala, la cagnolina di Emiliano Salas, il calciatore che ha perso la vita nell’incidente aereo, ha ancora la speranza di rivederlo vivo…ha seguito il suo corpo ovunque fino al crematorio, ma nessuno sapeva che fine avrebbe fatto la dolce Nala

Dal momento che la notizia del corpo trovato tra i rottami dell’aereo che trasportava Emiliano Salas da Nantes a Cardiff, gli apparteneva, per tutta la famiglia, gli amici intimi e calciatori, fu difficile il dolore da sopportare per la perdita del ragazzo. Riuscirono a rimpatriare il suo corpo per dargli l’ultimo addio .

Scene strazianti sono state vissute tra le centinaia di persone che hanno accompagnato la sua famiglia nell’addio del calciatore di Cardiff.

Sabato scorso si è svolta la cerimonia in cui i fan e i parenti della famiglia Sala, si sono incontrati nella città di Progreso, città natale di Emiliano, per porli un tributo sincero. Inoltre, molte persone provenienti dai villaggi vicini si sono avvicinate al Club San Martin de Progreso, dove si è svolta la veglia funebre dell’atleta ventottenne.

Migliaia di persone che hanno seguito la storia dell’incidente di Emiliano e la dolorosa notizia del ritrovamento del suo corpo, chiedevano di Nala il suo cane, il peloso stava ancora aspettando il ritorno del suo proprietario

In periferia davanti alla sala della veglia aspettava l’incondizionata Nala, stette lì per ore, fino a quando i resti furono trasferiti al crematorio. La triste storia del cane di Emiliano è andata in giro per il mondo quando Romina Sala, sorella del calciatore, ha pubblicato il 2 febbraio una sua foto mentre lei aveva ancora la speranza di trovarlo vivo.

Questa nuova immagine di Nala che attende fuori dai funerali dell’ex giocatore del Nantes ha commosso migliaia di persone. Ma non solo in quel momento siamo stati in grado di capire l’amore incondizionato di questo cane.

Nell’account Instagram di Emiliano puoi anche vedere diverse immagini che ha condiviso con il suo animale domestico: “Il mio fedele compagno”, ha scritto.

La sorella di Emiliano in seguito riferì la felice notizia che la sua famiglia l’aveva adottata e riportata a Santa Fe. L’amore di un amico a 4 zampe non ha confini, sarebbe bello se anche gli esseri umani fossero in grado di provare tale lealtà.