La sua proprietaria porta il cane depresso a dare l’ultimo saluto al proprietario defunto. Tornati a casa scoppia in lacrime, si rende conto che il suo cane

Perdere qualcuno che ami è terribilmente difficile, indipendentemente dal fatto che sia qualcosa di inaspettato o meno. Ma non riguarda solo le persone che subiscono la perdita. Anche gli animali sono colpiti dal dolore della morte di un membro della famiglia. Per animali come cani o gatti, i loro proprietari sono spesso la loro unica famiglia e l’unica che ricordano.

Sadie, un cane di 13 anni, sa davvero quanto sia difficile perdere qualcuno.  Aveva solo otto settimane quando arrivò nella sua nuova casa ed è stato un membro molto amato della famiglia. Aveva un legame molto forte con i suoi “genitori umani”.

Nessuno poteva prevedere la morte improvvisa del proprietario.

Quando lo staff medico si rese conto che non potevano fare nulla per salvarlo, Sadie si sdraiò accanto a lui, mettendo il suo naso bagnato nelle mani del suo proprietario.

Anche Julia Beaulieu, la proprietaria di Sadie, fu devastata dalla morte di suo marito e si rese subito conto di quanto fosse afflitta Sadie dall’improvvisa scomparsa del suo proprietario.

Julia capì che Sadie era depressa

Erano passati dieci giorni da quando vide il suo proprietario l’ultima volta, prima che lo portassero in ospedale dove morì. Sadie passò molto tempo a guardare fuori dalla finestra e attese con ansia che il suo proprietario tornasse a casa. Aveva smesso di mangiare e in dieci giorni perse cinque chili di peso.

Julia capì che Sadie aveva bisogno di un addio e decise di portarla alle pompe funebri, dove si trovava suo marito. Uno degli operai aveva preparato la bara per la visita. Sadie e Julia andarono insieme nella stanza in cui la bara era aperta con il corpo del marito in mostra.

Quando Sadie ha visto il suo proprietario è rimasta scioccata. Ma dopo qualche minuto si è rilassata di nuovo e poi sembra aver capito. Il suo proprietario era morto e non sarebbe mai più tornato a casa.

Quando Sadie e Julia tornarono a casa, il cane mangiò il suo primo pasto dopo dieci giorni. Fu allora che Julia capì che che la sua cagnolina si era sentita abbandonata dal suo papà umano e questo l’aveva distrutta.

Dopo la visita, Sadie ha avuto l’addio di cui aveva bisogno per rendersi conto che non era una scelta del suo papa non tornare a casa. Poteva continuare con il suo dolore.