La lettera travolgente di un nonno, alla persona responsabile dell’avvelenamento del cane di sua nipote, ha commosso il web

È impossibile capire come alcune persone siano in grado di far del male agli animali. Francisco Mateos Caballero, 73 anni, un nonno indignato di Aznalcóllar, ha rivoluzionato i social network con una lettera commovente indirizzata alla persona responsabile dell’avvelenamento di Nuka, la cagnolina di Celia, sua nipote.

Questa tragedia è avvenuta nei primi giorni del mese di ottobre, quando José Librero, padre della ragazza, ha portato a spasso il cane. La lettera aperta del nonno alla persona responsabile della tragedia di sua nipote, che ha postato sui social network, ha commosso migliaia di persone.” Sono Francisco Mateos Caballero, 73 anni, nonno di Celia, la bambina alla quale hai avvelenato il cane. Quando mi rivolgerò a te, ti chiamerò “animale a due zampe” tu che ti dedichi ad uccidere animali a quattro zampe. ”

Nuka, la piccola compagna di Celia, è morta per aver mangiato un pezzo di salame ​​avvelenato con l’aldicarb, un potente pesticida che non solo è un pericolo per gli animali, ma anche per le persone e specialmente per i bambini. “Mia nipotina Celia, è una bambina molto affettuosa di 11 anni , fin da piccola il suo sogno era quello di avere un cane, ma i suoi genitori le dissero che non glielo avrebbero regalato finché non sarebbe stata in grado di prendersene cura .”

Nuka fu regalato a Celia per la sua prima comunione poco più di un anno fa. “I suoi genitori le hanno insegnato che un animale deve essere amato e curato come essere vivente cioè con tanto amore. “Era una bellissima cagnolina dagli occhi azzurri ,giocherellona  che portò a casa tanta gioia. Il peggior momento fu dirglielo alla bambina che Nuka non c’era più.

“I suoi genitori glielo spiegarono, la nipote era molto triste, ma non pianse perché suo padre aveva le lacrime agli occhi e lei mi disse: come potrei piangere per peggiorare la tristezza di mio padre? ”

Questa bambina ha una grande maturità e un cuore traboccante d’amore. Celia pianse da sola per non preoccupare di più i suoi cari. Andò a letto quella notte con mal di stomaco, nausea e quasi incapace di dormire, si alzò il giorno dopo piena di tristezza.

“Ho anche versato alcune lacrime nello scrivere queste righe, ricordando la sofferenza di mia nipote”. Consapevole del potere di diffusione dei social network Francisco Mateos ha chiesto a sua figlia di rendere pubblica la sua lettera indirizzata a chi fosse dietro a questi avvelenamenti.

“Mi congratulo con te per la tua virilità, soddisfatto? animale a due zampe. Ma tu non sei altro che un vigliacco e una persona cattiva, che si nasconde nell’anonimato.

“I tuoi sentimenti sono peggiori dei peggiori parassiti sulla terra. È stato difficile per me spiegare a mia nipote che ci sono persone come te. ” Il padre di Celia rimpiange la bassa probabilità di scoprire la persona responsabile di questi atti vandalici.