Il suo cane viene operato, ma lei vive sola, lavora, e nessuno può badare al suo amato amico. Così decide di dire la verità al suo datore. Quello che è accaduto è stato il primo caso in italia e ha fatto il giro del mondo

L’Italia è un paese noto per l’amore che abbiamo per i nostri animali domestici. Si stima che in questo paese di circa 60 milioni di abitanti, vivano quasi la stessa quantità di animali domestici e vengano spesi circa 2.000 milioni di euro all’anno per prendersi cura di loro.

Ma ciò che nessuno si aspettava era la decisione di un’università romana che per la prima volta ha concesso un congedo per malattia di due giorni a uno dei suoi insegnanti, in modo che potesse prendersi cura del suo cane malato.

Tutto è iniziato quando Cucciola, un setter inglese di 12 anni, si ammalò. Il cane doveva essere operato per un carcinoma dopo aver avuto un problema alla laringe.

Ma quando la sua proprietaria, Anna, andò a chiedere un paio di giorni retribuiti per occuparsi di lei all’Università La Sapienza di Roma, le autorità del centro le concessero il permesso come giorni di riposo.

“Avevo chiesto il permesso pagato spiegando onestamente perché lo volevo, cioè per prendermi cura del mio cane malato. Quindi non ero d’accordo con il fatto che invece mi hanno dato due giorni liberi e mi sono arrabbiata per principio”, ha detto Anna al quotidiano italiano La Stampa.

Dopo aver contattato i membri dell’Associazione protettiva, la LAV ha finalmente ottenuto che le autorità riconoscessero il certificato del veterinario come una scusa sufficiente perché Anna si assentasse dal lavoro.

Questa decisione non ha precedenti in Italia ed è la prima volta che un animale viene riconosciuto come un “familiare”, dal momento che fino a poco tempo fa, a livello legale, gli animali domestici erano considerati praticamente parte dell’arredo domestico.

 

“È un precedente molto importante”, ha spiegato a La Stampa Gianluca Felicetti, ” il fatto che gli animali facciano parte della famiglia, deve essere riconosciuto dalla legge”.

Al momento Cucciola si sta riprendendo a casa a Roma con l’aiuto di Anna e in compagnia di un altro cucciolo di beagle di 17 anni.

“Sono single e vivo con loro, mi prendo cura di loro, li curo e penso che dovrebbero esserci più aiuti per coloro che hanno animali, iniziando ad esempio da una sanità pubblica veterinaria. Il costo per curare i nostri piccoli amici è molto alto e non tutti possono permetterselo. ”