Bimba di 3 anni scompare di notte. 15 ore dopo viene trovata con un enorme cane accanto a lei. Una storia che ha commosso migliaia di persone

Sappiamo che il cane è il miglior amico dell’uomo, hanno la capacità di rallegrarci la giornata con il loro modo di essere, ci danno il loro amore incondizionato ogni volta che ci vedono, ci stanno vicini nel bene e nel male a prescindere dalla circostanza, darebbero la vita per i loro proprietari se il loro benessere dipendesse da esso.

Questo è il caso di Victoria Bensch, una bambina di soli 3 anni che, nonostante le difficoltà che ha dovuto sopportare, è stata salvata grazie alla sua eroica amica, Blue. La piccola Victoria era uscita da casa sua in una fredda notte con solo una maglietta per cercare uno dei suoi cani, pensando che fosse fuggito. Blue, un Heel del Queensland che conosceva Victoria da quando era nata, la seguì nella sua ricerca fino a che non cadde vicino a un ruscello asciutto. Rimase con lei durante la fredda notte, la cui temperatura era scesa sotto 0 gradi.

Poco dopo che se ne andò, i suoi genitori si accorsero della loro sparizione e allertarono le autorità . L’intero team di ricerca e soccorso di Cordes Lakes, in Arizona, si sono messi a lavoro con l’unico scopo di trovare Victoria e Blue sani e salvi. Dopo 15 ore di ardua ricerca in tutta l’area, una squadra in elicottero riuscì a vedere vittoria sdraiata su un letto vicino al ruscello, con Blue sdraiato accanto a lei.

Quando i medici arrivarono sul posto notarono che Blu non permetteva a nessuno di avvicinare Victoria , la proteggeva dagli estranei. Dal momento che la piccola si alzò e cominciò a sorridere per l’arrivo dei soccorritori l’atteggiamento di Blue cambiò, diventò docile e calmo quando si rese conto che erano lì per aiutare.

Sono stati immediatamente portati all’elicottero per essere assistiti. Victoria aveva sofferto di gonfiore ai piedi per l’esposizione alle basse temperature ed era coperta di graffi su tutto il corpo, ma non era grave. La famiglia di Victoria attribuiva a Blue la salvezza della piccola, perché grazie al suo calore corporeo, Victoria era riuscita a salvarsi dalle basse temperature quella notte.

Indubbiamente, grazie a l’amico eroico e fedele che gli è stato vicino, Victoria è stata in grado di superare questa orribile esperienza e riunirsi di nuovo con la sua famiglia.