Bela è volata sul ponte…migliaia di persone hanno seguito la sua storia

 
bela
 
Tutto iniziò con le ultime volontà della signora Connie Ley che, in caso di morte, aveva chiesto di far sopprimere il suo cane di nove anni per averlo nella tomba con lei, oppure di portarlo al Best Friends Animal Society, un rifugio per animali a Kanabm (Utah). La decisione era in mano a un amico della donna che, in un primo momento, sembrava voler scegliere la strada più veloce portando il cane dal veterinario per la soppressione. Poi le proteste online degli animalisti e anche la disponibilità del rifugio a tenerlo, sembrava aver dato il lieto fine alla storia perché Bela avrebbe trascorso il resto della sua vita con gli operatori del centro che oramai la adoravano già. Bela era un cane tranquillo e ubbidiente e soprattutto molto intelligente.
Dopo tutte le vicissitudini e le ultime volontà della donna,Bela aveva trovato l’amore di un rifugio per animali. Ma dopo un mese è stata soppressa perché affetto da un cancro che in poco tempo gli ha tolto la vita. Destino crudele questo!
«Abbiamo avuto una tristissima e totalmente inaspettata, la perdita di Bela in questo weekend». Inizia così il messaggio pubblicato online dalla Best Friends Animal Society che annuncia la morte di Bela. Non c’è stato il lieto fine che tutti speravano per questo meraviglioso cane che era uscito vivo da quella volontà testamentaria che aveva interessato migliaia di persone in tutto il mondo.
bela1
Ma il destino purtroppo è stato più forte dell’amore: «La persona che si occupava di Bela ha notato problemi respiratori e all’addome – si legge nella nota del rifugio -. Quindi è stata portata alla clinica per un controllo d’urgenza. I test hanno rivelato liquido nell’ addome e anche intorno al cuore. Ma, ancora più grave, i raggi X hanno rivelato alcuni noduli nei suoi polmoni. Secondo il nostro direttore veterinario il cancro di Bela era a un tale livello che gli sarebbe rimasto un giorno di vita o poco più». Così, con un grosso dolore, l’unica strada è stata quella dell’eutanasia, la «scelta migliore per il bene di Bela».
«E’ nostra abitudine seppellire gli animali del nostro rifugio in un nostro cimitero. Tuttavia, in questo caso abbiamo pensato che la cosa giusta fosse esaudire le ultime volontà del proprietario di Bela. Pertanto, – si legge ancora nel messaggio – abbiamo cremato Bela e invieremo le sue ceneri nell’ Indiana, cosicché possa essere sepolta con il suo proprietario, scomparso nel mese di novembre».
La storia non finisce bene come molti avrebbero desiderato, Bela alla fine si unisce alla donna che per nove anni si era presa cura di lei, Non so se ritenere la donna un’egoista o meno, forse era solo preoccupata per il futuro della sua cagnolina. Bela alla fine l’ha raggiunta e a noi piace immaginare che passeggiano insieme nei prati del paradiso.
 
 

Lascia un commento